Contratto a tempo determinato -aumento del contributo addizionale NASPI in caso di rinnovo

Si fa seguito alla nostra circolare Studio del 04.07.2018 relativa alle novità introdotte dal D.L. 87/2018 (Decreto Dignità), per ricordare che l’articolo 3 del citato decreto ha disposto che il contributo NASpI (ordinariamente pari a 1,40%) è aumentato di 0,5 punti percentuali in occasione di ciascun rinnovo del contratto a tempo determinato, anche in somministrazione.
Restano esclusi dall’applicazione dell’incremento del contributo addizionale NASpI, in quanto già esclusi dalla predetta contribuzione addizionale, i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato in sostituzione di lavoratori assenti.
L’Inps, con circolare n. 121/2019 e con il messaggio n. 3447/2019, fornisce, a distanza di un anno, le istruzioni per la gestione degli adempimenti derivanti dall’attuazione della predetta misura. In premessa è utile ricordare che la decorrenza di applicazione dell’incremento del contributo addizionale NASpI nei casi di rinnovo del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato è fissata al 14 luglio 2018.
Per interpretazione ministeriale l’aumento del contributo addizionale NASpI opera anche nei casi in cui il lavoratore con contratto a tempo determinato sia stato in precedenza utilizzato in forza di contratto di somministrazione, rientrando tale ipotesi nel concetto di rinnovo. Ugualmente accade nell’ipotesi inversa.