Corona Virus D.P.C.M. del 2 marzo 2021

È stato pubblicato sulla G.U. n. 52 del 2 marzo 2021, S.O. n. 17, il D.P.C.M. 2 marzo 2021, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e in materia di spostamenti sul territorio nazionale.
Le disposizioni si applicano dal 6 marzo 2021, in sostituzione di quelle del D.P.C.M. 14 gennaio 2021, al 6 aprile 2021, ad eccezione dell’articolo 7 (che regolamenta le Zona bianca), che si applica dal 3 marzo 2021.
Le disposizioni delle ordinanze del Ministro della salute 9 gennaio 2021 e 13 febbraio 2021, recanti “Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, continuano ad applicarsi fino al 6 aprile 2021, salvo eventuali successive modifiche.
Le disposizioni delle ordinanze del Ministro della salute 27 febbraio 2021, recanti ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, per le Regioni Abruzzo, Basilicata, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Province autonome di Trento e Bolzano, Toscana, Sardegna, Umbria, continuano ad applicarsi fino all’adozione di nuove ordinanze e, comunque, non oltre il 15 marzo 2021, fatta salva un’eventuale nuova classificazione.
Le nuove ordinanze, normalmente firmate a fine settimana, avranno decorrenza dal primo giorno non festivo successivo (di solito il lunedì).
Le nuove disposizioni non si discostano radicalmente da quelle già conosciute, essendo confermato l’impianto con zone di colori differenti corrispondenti a diverse restrizioni, ma sono introdotte alcune novità.
Il Decreto ricorda che, fino al 27 marzo 2021, sull’intero territorio nazionale, è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse Regioni o Province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.
Inoltre, viene ribadito che sull’intero territorio nazionale tutte le attività produttive industriali e commerciali devono rispettare i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020 (allegato 12), nonché, per i rispettivi ambiti di competenza, il protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nei cantieri, sottoscritto il 24 aprile 2020 (allegato 13) e il protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica sottoscritto il 20 marzo 2020 (allegato 14).
Resta fortemente raccomandato l’utilizzo della modalità di lavoro agile da parte dei datori di lavoro privati, che potrà essere attuato in modalità semplificata fino al prossimo 30 aprile.
In ordine alle attività professionali si raccomanda che:
• esse siano attuate anche mediante modalità di lavoro agile, ove possano essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
• siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
• siano assunti protocolli di sicurezza anti-contagio, fermo restando l’obbligo di utilizzare dispositivi di protezione delle vie respiratorie previsti da normativa, protocolli e linee guida vigenti;
• siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali.
Il Ministero della salute, a proposito delle notizie di stampa riguardanti la disciplina delle “attività dei servizi di ristorazione” in relazione all’asporto, precisa che è rimasto il divieto di asporto per le attività dei bar (codice ATECO 56.3) dopo le 18, come per gli altri esercizi commerciali della stessa tipologia. Viene consentito ora l’asporto solo fino alle 22 dalle enoteche o esercizi di commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO 47.25). Resta, ovviamente, vietato il consumo sul posto.
Di seguito una sintesi delle principali novità e delle misure confermate.
Zone bianche
Nelle zone bianche si prevede la cessazione delle misure restrittive previste per la zona gialla, pur continuando ad applicarsi le misure anti-contagio generali (come, per esempio, l’obbligo di indossare la mascherina e quello di mantenere le distanze interpersonali) e i protocolli di settore.
Restano sospesi gli eventi che comportano assembramenti (fiere, congressi, discoteche e pubblico negli stadi).
Scuola
Zone rosse: dal 6 marzo 2021 si prevede la sospensione dell’attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell’infanzia ed elementari. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.
Zone arancioni e gialle: i Presidenti delle Regioni potranno disporre la sospensione dell’attività scolastica:
• nelle aree in cui abbiano adottato misure più stringenti per via della gravità delle varianti;
• nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100.000 abitanti nell’arco di 7 giorni;
• nel caso di un’eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico.
Musei, teatri, cinema e impianti sportivi
Nelle zone gialle si conferma la possibilità per i musei di aprire nei giorni infrasettimanali, garantendo un afflusso controllato. Dal 27 marzo 2021, sempre nelle zone gialle, è prevista l’apertura anche il sabato e nei giorni festivi.
Dal 27 marzo 2021, nelle zone gialle, si prevede la possibilità di riaprire teatri e cinema, con posti a sedere preassegnati, nel rispetto delle norme di distanziamento. La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all’aperto e 200 al chiuso per ogni sala.
Restano chiusi palestre, piscine e impianti sciistici.
Attività commerciali
In tutte le zone è stato eliminato il divieto di asporto dopo le ore 18 per gli esercizi di commercio al dettaglio di bevande da non consumarsi sul posto.
Servizi alla persona
Nelle zone rosse saranno chiusi i servizi alla persona, come parrucchieri, barbieri e centri estetici.
Spostamenti da e per l’estero
Si amplia il novero dei Paesi interessati della sperimentazione dei voli c.d. “COVID tested”.
A chi è stato in Brasile nei 14 giorni precedenti è consentito l’ingresso in Italia anche per raggiungere domicilio, abitazione o residenza dei figli minori.
Capi e allegati
Per facilitare la lettura del corposo documento, per chi fosse interessato, si riporta di seguito l’indice degli argomenti per capi e contenuto degli allegati.
Capo I – Misure di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale (articoli 1-6);
Capo II – Misure di contenimento del contagio che si applicano in Zona bianca (articolo 7);
Capo III – Misure di contenimento del contagio che si applicano in Zona gialla (articoli 8-32);
Capo IV – Misure di contenimento del contagio che si applicano in Zona arancione (articoli 33-37);
Capo V – Misure di contenimento del contagio che si applicano in Zona rossa (articoli 38-48);
Capo VI – Ulteriori misure di contenimento del contagio sulle aree del territorio nazionale concernenti gli spostamenti da e per l’estero (articoli 49-51);
Capo VII – Ulteriori misure di contenimento del contagio sulle aree del territorio nazionale concernenti i trasporti (articoli 52-54);
Capo VIII – Disposizioni riguardanti l’esecuzione e il monitoraggio delle misure e disposizioni finali (articoli 55-57);
Allegato 1 – Protocollo con la Conferenza Episcopale Italiana circa la ripresa delle celebrazioni con il popolo
Allegato 2 – Protocollo con le Comunità ebraiche italiane
Allegato 3 – Protocollo con le Chiese Protestanti, Evangeliche, Anglicane
Allegato 4 – Protocollo con le Comunità ortodosse
Allegato 5 – Protocollo con le Comunità Induista, Buddista (Unione Buddista e Soka Gakkai), Baha’i e Sikh
Allegato 6 – Protocollo con le Comunità Islamiche
Allegato 7 – Protocollo con la Comunità della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni
Allegato 8 – Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia – Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini e adolescenti nella fase 2 dell’emergenza COVID-19
Allegato 9 – Linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome dell’8 ottobre 2020
Allegato 10 – Criteri per Protocolli di settore elaborati dal Comitato tecnico-scientifico in data 15 maggio 2020
Allegato 11 – Misure per gli esercizi commerciali
Allegato 12 – Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali
Allegato 13 – Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nei cantieri
Allegato 14 – Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica
Allegato 15 – Linee guida per l’informazione agli utenti e le modalità organizzative per il contenimento della diffusione del covid-19 in materia di trasporto pubblico
Allegato 16 – Linee guida per il trasporto scolastico dedicato
Allegato 17 – Misure per la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 a bordo delle navi da crociera.
Allegato 18 – Linee guida concernenti la completa ripresa delle ordinarie attività nelle istituzioni della formazione superiore per l’anno accademico 2020/21
Allegato 19 – Misure igienico-sanitarie
Allegato 20 – Spostamenti da e per l’estero
Allegato 21 – Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia
Allegato 22 – Protocollo per la gestione di casi confermati e sospetti di COVID-19 nelle aule universitarie
Allegato 23 – Commercio al dettaglio
Allegato 24 – Servizi per la persona
Allegato 25 – Prevenzione e risposta a COVID-19: evoluzione della strategia e pianificazione nella fase di transizione per il periodo autunno-invernale
Allegato 26 – Spettacoli dal vivo
Allegato 27 – Cinema
Allegato 28 – Protocollo per raggiungere una nave per l’imbarco, per la libera uscita e per lasciare una nave per il rimpatrio.
Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.
Distinti saluti.