Coronavirus: i nuovi codici ATECO dopo la modifica al DCPM 22 marzo

Pubblicate, la notte di mercoledì 25 marzo, dal MISE alcune modifiche all’allegato 1 del DPCM del 22 marzo 2020 con i nuovi codici ATECO esclusi dalla sospensione delle attività, come previsto dal DCPM 22 marzo 2020.

Alcuni dei codici precedentemente esclusi dall’allegato 1 del DCPM sono stati aggiunti e potranno quindi proseguire l’attività.

Altri non sono più presenti in questo nuovo aggiornamento e quindi dovranno sospendere l’attività secondo i termini previsti.

La modifica è in vigore da giovedì 26 marzo; tuttavia le imprese la cui attività è sospesa per effetto di questo aggiornamento potranno proseguirla fino al 28 marzo per completare quanto necessario alla sospensione, compresa la spedizione delle merci in giacenza (art.1 comma 3).

Le regole sopra riassunte riguardano sia le attività escluse dalla nuova tabella, sia quelle funzionali alle relative filiere: le attività rientranti in entrambi i citati gruppi non potranno essere più svolte a partire dal 29 marzo.

In allegato il testo del decreto del MISE.

Di seguito  è scaricabile una tabella che riporta in ROSSO i codici ATECO precedentemente compresi ma che vengono esclusi con questo nuovo aggiornamento e che quindi dovranno sospendere l’attività secondo i termini previsti entro il 28 marzo*.
In VERDE, invece, quelli aggiunti rispetto al precedente e che quindi potranno proseguire l’attività senza interruzione.

Confronto_CODICI_ATECO