Decreto "Cura Italia" – Principali novità 1a Parte

Si è svolto ieri 16 marzo 2020 il Consiglio dei Ministri all’esito del quale è stato approvato il decreto “Cura Italia”.
Vi proponiamo una breve sintesi di alcune misure fiscali ritenute maggiormente significative riservandoci di approfondire specifici temi a seguito dei chiarimenti ufficiali.
SOSPENSIONE GENERALIZZATA DEI VERSAMENTI OBBLIGATORI SCADENTI DAL 08.03.2020 AL 31.03.2020
Tutti i versamenti fiscali dell’iva, delle addizionali Irpef e delle ritenute alla fonte ma anche contributi previdenziali e assistenziali nonché i premi per l’assicurazione obbligatori scadenti dal 08.03.2020 al 31.03.2020 sono così rinviati:

  • Per le imprese di alcuni settori tra i quali quelli dei settori Turistico ricettivi, agenzie di viaggio e turismo, tour operator, società sportive, professionistiche e dilettantistiche, ricevitorie del lotto, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, bar e pub turistico recettive, servizi di trasporto passeggeri, noleggio mezzi di trasporto e servizi di trasporto merci i suddetti versamenti sono prorogati al 31 maggio 2020, da versare in un’unica soluzione oppure in 5 rate mensili di pari importo a partire dal 31 maggio 2020;
  • Per le imprese di qualsiasi settore con ricavi inferiori ad Euro 2.000.000 (verificati sull’anno 2019 n.d.r.) sono prorogati al 31 maggio 2020, da versare in un’unica soluzione oppure in 5 rate mensili di pari importo a partire dal 31 maggio 2020;
  • Le imprese con ricavi superiori ad Euro 2.000.000 (verificati sull’anno 2019 n.d.r.) e che non rientrano nei settori sopra indicati sono prorogati al 20 Marzo 2020.

 Ricordiamo ai signori clienti che è sempre possibile effettuare i pagamenti dell’iva annuale dovuta entro il mese successivo pagando una maggiorazione nella misura dello 0,40% delle somme dovute.
 SOSPENSIONE E DIFFERIMENTO AL 30 GIUGNO 2020 DEGLI ALTRI ADEMPIMENTI FISCALI
Sono sospesi tutti gli adempimenti fiscali in scadenza dal 08.03.2020 al 31.05.2020 diversi dai versamenti. Gli adempimenti potranno essere effettuati, senza alcuna sanzione entro il 30 giugno 2020. Si ricorda tuttavia che le certificazioni uniche dovranno comunque essere trasmesse entro il 31 marzo 2020.
SOSPENSIONE TERMINI DI PAGAMENTO DELLE CARTELLE E DEGLI ACCERTAMENTI ESECUTIVI
Sono sospesi i termini dei versamenti scadenti dal 08.03.2020 al 31.05.2020 relativi a:

  • cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione,
  • avvisi di accertamento esecutivi emessi dall’Agenzia delle Entrate,
  • avvisi di addebito emessi dagli Enti Previdenziali,
  • atti di accertamento esecutivi emessi dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

 I relativi versamenti dovranno essere effettuati, in un’unica soluzione, entro il 30.06.2020
 Dovranno essere invece versati entro il 31.05.2020:

  • la rata della “rottamazione ter” scaduta il 28 febbraio 2020;
  • la rata del “saldo e stralcio” in scadenza il 31 marzo 2020.

 SOSPENSIONE RITENUTE D’ACCONTO
I compensi percepiti fino al 31 marzo 2020 dai soggetti professionisti e società con ricavi o compensi non superiori a Euro 400.000,00 nel precedente periodo d’imposta, non saranno assoggettati alle ritenute d’acconto da parte del sostituto d’imposta a condizione che nel mese precedente non abbiano sostenuto spese per prestazioni di lavoro dipendente o assimilato.
I contribuenti, che si avvalgono della presente opzione previa presentazione di apposita dichiarazione da parte del soggetto percettore, provvederanno al riversamento autonomo dell’ammontare delle ritenute d’acconto non operate dal sostituto d’imposta in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 oppure in 5 rate mensili a partire dal 31 maggio 2020.
CREDITO D’IMPOSTA PER LA SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI
È riconosciuto, a favore degli esercenti attività d’impresa, arte o professione, un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro fino ad un massimo di 20.000 euro.
CREDITO D’IMPOSTA CONTRATTI DI LOCAZIONE
È riconosciuto, a favore degli esercenti attività d’impresa, un credito d’imposta pari al 60% dell’ammontare del canone di locazione relativo al mese di marzo 2020, di immobili rientranti nella categoria catastale C/1 e spese sostenute per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro fino ad un massimo di 20.000 euro.
SOSPENSIONE RIMBORSO PRESTITI PMI
Il pagamento delle rate dei prestiti accordati da banche o altri intermediari finanziari alle Pmi e alle microimprese è sospeso fino al 30 settembre 2020.
La data di restituzione dei prestiti non rateali con scadenza anteriore al 30 settembre 2020 potrà essere rinviata fino a quest’ultima data.
Le linee di credito accordate “sino a revoca” e i finanziamenti accordati a fronte di anticipi su crediti non possono essere revocati fino al 30 settembre.
L’impresa sarà tenuta ad autocertificare di aver subito una riduzione parziale o totale dell’attività quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da Covid – 19.
INDENNITÀ UNA TANTUM A PROFESSIONISTI E CO.CO.CO.
È riconosciuta un’indennità una tantum, per il mese di marzo, pari ad Euro 600, ai liberi professionisti titolari di partita Iva, ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa iscritti alla Gestione separata non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, agli operai agricoli a tempo determinato e ai lavoratori dello spettacolo.
PREMIO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER IL LAVORO SVOLTO NELLA SEDE
Per i lavoratori dipendenti che possiedono un reddito complessivo di valore non superiore ad Euro 40.000 e che non possono beneficiare dello c.d. “smart-working” è riconosciuto per il mese di marzo un premio pari ad Euro 100 che non concorrerà alla formazione del reddito imponibile, da calcolare in proporzione al numero dei giorni di lavoro svolti nella sede di lavoro.