Novità dichiarazioni d'intento

Come anticipato nel promemoria n. 2/2020 dello scorso 31 gennaio 2020, siamo ad informare i signori clienti che è stato pubblicato in data di ieri, da parte dell’Agenzia delle Entrate, il provvedimento attuativo relativo alle semplificazioni in materia di dichiarazione di intento.
Pertanto a partire dal prossimo 02 marzo 2020:

  • il cedente o prestatore deve indicare nelle fatture emesse gli estremi del protocollo di ricezione della dichiarazione di intento e non più il numero progressivo della dichiarazione di intento;
  • il protocollo telematico dovrà essere indicato nel campo “altri dati” dello schema XML della fattura elettronica;
  • gli estremi delle dichiarazioni di intento emesse dai propri clienti saranno disponibili per la consultazione direttamente nel cassetto fiscale.

Non sussiste più l’obbligo per gli esportatori abituali e i rispettivi fornitori di:

  • numerare progressivamente le dichiarazioni di intento;
  • annotare le dichiarazioni di intento in appositi registri e conservarle.

Ricordiamo inoltre a coloro che si trovano a ricevere le dichiarazioni d’intento che dal mese di marzo 2017 è obbligatorio verificare, prima di emettere la propria fattura, la corretta trasmissione della dichiarazione in via telematica da parte della propria controparte ( tramite apposita funzione disponibile sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate all’indirizzo http://telematici.agenziaentrate.gov.it/VerIntent/VerificaIntent.do?evento=carica ).
La sanzione per coloro che effettuano operazioni in regime di non imponibilità IVA, senza aver prima riscontrato per via telematica l’avvenuta presentazione all’Agenzia delle Entrate della dichiarazione di intento, è ora irrogata in misura proporzionale (dal 100% al 200% dell’imposta, fermo restando l’obbligo di pagamento della stessa) e non più in misura fissa (da 250,00 a 2.000,00 euro).