Novità normativa Bonus Renzi dal 1 luglio 2020

La Legge di Bilancio 2020 ha modificato i requisiti di spettanza del Bonus Renzi (o bonus Irpef) ampliando la platea dei beneficiari.
In particolare hanno diritto i lavoratori dipendenti che percepiscono un reddito complessivo non superiore a 40.000 euro e la detrazione massima è pari ad un massimo di 100 euro mensili per redditi lordi che non superano i 28.000 euro e decresce all’aumentare del reddito.
 A decorrere dal 1° luglio 2020 il Bonus:
 – è pari a 100 euro mensili per i lavoratori dipendenti con un reddito annuo lordo fino a 28.000 euro;
– è pari a 80 euro mensili per i lavoratori che percepiscono redditi di importo compreso tra 28.000 e 35.000 euro;
diminuisce poi gradualmente fino ad azzerarsi per i dipendenti con redditi tra 35.000 e 40.000 euro.
 Il datore di lavoro riconoscerà al lavoratore il “Bonus” in busta paga sulla base delle dichiarazioni ricevute dai lavoratori ad inizio dell’anno 2020 o in via automatica basandosi sui redditi relativi al rapporto di lavoro.
Nel caso in cui il lavoratore decida di variare la scelta effettuata ad inizio anno è invitato a prendere contatti con l’ufficio personale.