Principali novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019

Con la L. 30 dicembre 2018, n. 145 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 31.12.2018, n. 302 è stata emanata la Legge di Bilancio 2019 entrata in vigore lo scorso 1° gennaio 2019.
Vi proponiamo una sintesi delle principali novità di natura fiscale riservandoci di offrire successivamente ulteriori spiegazioni sulle specifiche disposizioni.
IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF)
Rivalutazione terreni e partecipazioni
E’ stata riaperta la possibilità di rideterminazione del valore di acquisto di partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati e di terreni edificabili e con destinazione agricola posseduti al 01.01.2019 non in regime d’impresa, mediante il pagamento di un’imposta sostitutiva.
Cedolare secca anche per gli immobili commerciali
È stato esteso l’ambito di applicazione della cedolare secca ai contratti di locazione, stipulati nel 2019 da persone fisiche private, relativi a immobili commerciali classificati nella categoria catastale C/1 e di superficie non superiore a 600 mq escluse le pertinenze. La cedolare secca non è applicabile ai contratti stipulati nel 2019 qualora alla data del 15.10.2018 risultasse in corso un contratto non scaduto tra i medesimi soggetti e per lo stesso immobile, interrotto anticipatamente rispetto alla scadenza contrattuale.
Estromissione agevolata dell’immobile dell’imprenditore individuale
È stato riaperto fino al 31.05.2019 il termine entro il quale sarà possibile procedere all’estromissione agevolata degli immobili strumentali dell’imprenditore individuale posseduti al 31.10.2018 mediante il versamento di un’imposta sostitutiva pari all’8%.
Proroga detrazione per interventi di riqualificazione energetica del 65%
È stata prorogata al 31 dicembre 2019 la detrazione del 65% delle spese relative a interventi di riqualificazione energetica degli edifici confermando la riduzione al 50%
per le spese, sostenute dal 1° gennaio 2018, relative agli interventi di acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi e di schermature solari.
Proroga detrazione per interventi di ristrutturazione edilizia del 50% e Sisma Bonus
È stata prorogata per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2019 la detrazione del 50% su un importo massimo di 96.000 euro per interventi di recupero del patrimonio edilizio ed è stato confermato l’obbligo di trasmissione telematica all’ENEA delle informazioni relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio a seguito dei quali si consegue un risparmio energetico (vedi circolare 1/2019).
Le detrazioni riguardanti interventi relativi all’adozione di misure antisismiche (c.d. sisma bonus) su edifici adibiti ad abitazione o ad attività risulta confermato fino al 2021.
Proroga bonus mobili ed elettrodomestici
Esclusivamente in relazione agli interventi di recupero del patrimonio edilizio iniziati dal 1° gennaio 2018 è riconosciuta una detrazione del 50% su una spesa massima di 10.000,00 euro sostenuta nel 2019 per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione. Per gli acquisti di grandi elettrodomestici dai quali deriva un risparmio energetico deve essere trasmessa telematicamente all’ENEA un’apposita comunicazione.
Bonus verde
È stata prorogata per il 2019 la detrazione del 36% fino a una spesa massima di 5.000,00 euro per gli interventi straordinari di sistemazione delle aree verdi qualora siano effettuati su unità immobiliari ad uso abitativo o sulle parti comuni esterne di edifici condominiali e i pagamenti siano effettuati tramite strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni.
LA DETERMINAZIONE DEL REDDITO D’IMPRESA E DI LAVORO AUTONOMO
Rivalutazione beni d’impresa e partecipazioni
Viene riproposta la possibilità di rivalutare i beni d’impresa, ad esclusione degli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività di impresa, e le partecipazioni in società controllate o collegate risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2017.
Maggiorazione degli ammortamenti (Iper ammortamento)
È confermata anche per il 2019 la maggiorazione del costo, con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria, degli investimenti nell’industria 4.0 ma con aliquote decrescenti all’aumentare del costo di acquisizione e un tetto massimo di 20 milioni di euro. E’ altresì confermata la proroga, per i soggetti che beneficiano dell’iper ammortamento, della maggiorazione del 40% (maxi ammortamento) del costo di acquisto per gli investimenti in beni immateriali strumentali nell’industria 4.0.
Non è prevista la proroga del maxi ammortamento ossia della maggiorazione, a favore delle imprese e lavoratori autonomi del costo di acquisizione dei beni strumentali nuovi, esclusi autovetture, ciclomotori anche se utilizzati esclusivamente per l’attività svolta (che pertanto risulta applicabile agli investimenti effettuati fino al 31.12.2018 ovvero 30.6.2019 a condizione che entro il 31.12.2018 sia accettato il relativo ordine e pagati acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione).
Deducibilità IMU immobili strumentali
A decorrere dal periodo d’imposta 2019 è aumentata dal 20% al 40% la percentuale di deducibilità dalle imposte sul reddito d’impresa e di lavoro autonomo dell’IMU, dell’IMI e dell’IMIS relativa agli immobili strumentali.
Abrogazione imposta sul reddito d’impresa (IRI)
Sono abrogate le disposizioni che introducevano l’imposta sul reddito d’impresa (Iri) a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2017.
Contributo per l’adeguamento tecnologico (trasmissione corrispettivi)
Per gli anni 2019 e 2020 è attribuito un contributo sotto forma di credito d’imposta pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto o l’adattamento degli apparecchi per la memorizzazione e la trasmissione telematica dei corrispettivi. Per ogni apparecchio viene fissata una soglia massima di spesa pari a:
 250,00 euro in caso di acquisto;
 50,00 euro in caso di adattamento.
L’utilizzo del credito è consentito a partire dalla prima liquidazione IVA periodica successiva al mese in cui si realizzano i seguenti presupposti:
 È stata registrata la fattura relativa all’acquisto o all’adattamento degli apparecchi;
 È stato pagato, mediante mezzi tracciabili, il relativo corrispettivo.
Credito d’imposta per investimenti pubblicitari
Il bonus pubblicità, introdotto per agevolare gli investimenti pubblicitari su stampa ed emittenti radio-televisive locali, è concesso nei limiti del regolamento “de minimis”.
Credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo
È stato ridotto a 10 milioni di euro l’importo massimo annuale del credito d’imposta spettante per investimenti incrementali in attività di ricerca e sviluppo ed è stata introdotta la duplice aliquota di incentivazione del 25% o del 50% sull’eccedenza agevolabile (differenza tra l’ammontare complessivo delle spese ammissibili sostenute nel periodo agevolato e media del triennio 2012-2014) a seconda della tipologia di spese sostenute.
ALTRE NOVITA’ IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI
Estensione al coniuge superstite della riduzione Imu per gli immobili in comodato
È estesa, in caso di morte del comodatario, al coniuge in presenza di figli minori la riduzione al 50 per cento della base imponibile IMU per le unità immobiliari non di lusso concesse in comodato a figli o genitori che le utilizzano come abitazione principale.
Contributo per l’acquisto e la rottamazione di moto meno inquinanti
A coloro che acquistano, nel 2019, una moto elettrica o ibrida e contestualmente ne rottamano una di categoria Euro 0, 1 e 2 è riconosciuto un contributo pari al 30% del prezzo di acquisto fino ad un massimo di 3.000,00 euro.