Redditi fondiari – Canoni di locazione di immobili abitativi non percepiti per morosità del conduttore – Detassazione – Novità del DL 41/2021 convertito (c.d. DL "sostegni") – Effetti sui dichiarativi

Con la conversione in legge del DL 41/2021, ad opera della L. 69/2021, è stata anticipata l’entrata in vigore della nuova disciplina recata dall’art. 26 del TUIR in tema di detassazione dei canoni di locazione di immobili abitativi non riscossi, i quali possono essere esclusi da imposizione già dal momento dell’ingiunzione di pagamento o dell’intimazione di sfratto per morosità, senza dover attendere la convalida di sfratto (come nella previgente disciplina).

Per effetto della conversione del DL 41/2021, tale disciplina trova applicazione a tutti i canoni di locazione non riscossi a decorrere dall’1.1.2020, a prescindere dalla data di stipula del contratto.

Pertanto, già nel modello REDDITI PF 2021 e nel modello 730/2021, riferiti ai redditi 2020, rispettivamente, nel quadro RB o nel quadro B, è possibile indicare il codice 4 nella casella 7 “Casi particolari” e non assoggettare ad IRPEF i canoni di locazione di immobili abitativi non riscossi dopo l’ingiunzione di pagamento o l’intimazione di sfratto.

Fonte Eutekne.info