Versamenti in scadenza dal 30.6.2021 al 31.8.2021 – Proroga per i contribuenti che applicano gli ISA e per i soggetti minimi e forfetari – Novità del DL 73/2021 convertito (DL "Sostegni-bis") – Contributi previdenziali (messaggio INPS 27.7.2021 n. 2731)

Con il messaggio 27.7.2021 n. 2731, l’INPS illustra la misura di cui all’art. 9-ter del DL 73/2021 che ha disposto la proroga al 15.9.2021 (senza alcuna maggiorazione) dei termini di versamento risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, IRAP e IVA, che scadono nel periodo dal 30.6.2021 al 31.8.2021.
La proroga si applica in favore di:
– soggetti ISA, che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascun indice;
– soggetti che presentano altre cause di esclusione dagli ISA (ad esempio, inizio o cessazione attività);
– contribuenti minimi e forfetari;
– soggetti che partecipano a società, associazioni e imprese che presentano i requisiti previsti dalla norma e dichiarano redditi “per trasparenza”, ai sensi degli artt. 5, 115 e 116 del TUIR.
La proroga vale anche per i versamenti dei contributi previdenziali dovuti a titolo di saldo per l’anno di imposta 2020 e di primo acconto per l’anno di imposta 2021 dovuti:
– dagli artigiani e commercianti;
– dai professionisti della Gestione separata.
Confermata la scadenza del 20.8.2021 della prima rata dei contributi minimi dovuta dagli artigiani e dagli esercenti attività commerciali.
Fonte Eutekne.info